Tra Fazio e agenzie di monitoraggio, la verità sull’inquinamento delle falde

Stamattina Fazio, , affermava in un’intervista al Mattino che l’attuale emergenza rifiuti non sta comportando rischi per la salute dei cittadini. Lo confermano due ricerche dell’Istituto Superiore della Sanità, una ricerca dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e i continui monitoraggi della Regione su falde acquifere, latte e alimenti. In particolare il Ministro della salute minimizza sulla crescita preoccupante delle patologie tumorali in zona. http://www.ilmattino.it/articolo_app.php?id=33566&sez=NAPOLI&npl=&desc_sez=

Ci permettiamo di dissentire, così come testimoniato dal monitoraggio delle falde acquifere nei pressi della ex cava Sari effettuato dalla sezione Ambiente della Provincia di Napoli

http://www.9online.it/blog_emergenzarifiuti/2010/10/13/terzigno-cava-sari-analisi-confermano-inquinamento-falde-acquifere/

Riguardo l’aumento esponenziale di casi tumorali, ricordiamo al Ministro che non è ancora attivo in Campania il registro dei tumori, l’unico strumento a disposizione dei cittadini per dimostrare la correlazione tra incidenza tumorale e situazioni di rischio ambientale.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/10/20/spazzatura-e-tumori-in-campania-lo-scandalo-del-registro-che-non-ce/72540/

Aspettando che le istituzioni si smuovano…..

Annunci
Pubblicato in Fatti & Misfatti | Lascia un commento